Anomalisa: un film anomalo

Vincitore del Gran Premio della giuria all’ultimo festival di Venezia e candidato all’Oscar per miglior film d’animazione, “Anomalisa” è un film spiazzante e originale, che sicuramente non lascia indifferenti gli spettatori.
Diretto dal duo Duke Johnson e Charlie Kaufman, premio Oscar per la sceneggiatura di “Se mi lasci ti cancello” e regista di “Synecdoche, New York”, “Anomalisa” è interamente girato con la tecnica della stop-motion e i protagonisti sono tutti dei pupazzi.
La storia narrata è molto semplice. Michael Stone, un uomo di mezza età depresso e alle prese con una grave malattia pschiatrica, marito e padre oltre che esperto di customer care e noto autore di best-seller sul tema, si trova a Cincinnati negli Stati Uniti per una conferenza. Solo e triste nell’hotel Frigoli della città, il protagonista prova a ricontattare la donna con cui undici anni aveva avuto una relazione, da lui bruscamente e inspiegabilmente interrotta. La serata sembra svolgere al peggio finché Stone non incontra una donna chiamata Lisa e qualcosa cambia improvvisamente dento di lui. L’attrazione reciproca potrebbe cambiare il corso delle loro vite.
14:16 - Anomalisa 2Nonostante la banalità della trama, l’opera è significativa non solo per la ricchezza di emozioni espresse dai due personaggi principali ma anche e soprattutto per la capacità del protagonista di creare empatia con gli spettatori pur non essendo umano.
L’idea originale risiede nel fatto di ricreare uno stato d’animo di profondo malessere esistenziale ai limiti di una malattia psichiatrica nota come sindrome di Fregoli (nome dell’albergo) dando la stessa voce e il medesimo volto a tutti i personaggi. Fa eccezione proprio Lisa, che ha una voce e un volto differenti dalla “massa”, da cui il protagonista viene attratto per la sua “anomalia”, simboleggiata da una piccola cicatrice sul viso. Da qui la scelta del titolo, unione delle parole “anomalia” e “Lisa”.
Un film d’animazione per adulti contenente una lunga scena di sesso tanto goffa quanto realistica e tenera, difficilmente realizzabile meglio con attori in carne e ossa.
Il lungometraggio, che ha raccolto numerose recensioni positive da parte dei critici (qualcuno ha parlato addirittura di capolavoro), mescola ingredienti diversi – il surrealismo, l’horror, l’onirismo – per parlare di temi esistenziali complessi come il rapporto tra i sessi e la sensazione di alienazione dell’uomo-massa contemporaneo chiuso nella gabbia della routine quotidiana come un automa amorfo e apatico.
14:16 - Anomalisa 1Prodotto anche grazie al “crowdfunding” (sono stati raccolti online 406mila dollari), quindi fuori dal circuito convenzionale delle major, l’opera presenta dialoghi profondi e alcune scene memorabili perché capaci di emozionare veramente, come quando Lisa offre una toccante versione canora di “Girls Just Wanto to Have Fun”.
In conclusione, un’opera ambiziosa, originale, un po’ deludente nel finale sbrigativo, capace però di suscitare forti emozioni. O che lo si ami o che lo si odi, “Anomalisa è un film inclassificabile, strano e destabilizzante di cui, una volta entrati, si resta prigionieri” come ha ben descritto il critico cinematografico Roberto Nepoti su “la Repubblica”.