Milano: “Festival dello Sviluppo Sostenibile”. Economia circolare e cultura della sostenibilità nella Città Metropolitana

La sede della Città  Metropolitana di Milano, l'interno

Perché un bosco all’interno del cortile di Palazzo Isimbardi, sede della Città metropolitana di Milano? – sorge spontaneo chiedersi. ‘Per dimostrare le principali caratteristiche dell’ambiente forestale planiziale, – risponde Arianna Censi, vice sindaca – e promuovere così una maggior conoscenza e sensibilità per uno sviluppo sostenibile e resiliente della nostra area metropolitana.’ Il bosco sarà realizzato dal Parco Agricolo Sud Milano, in collaborazione con l’Ente Regionale per i Servizi all’Agricoltura e alle Foreste (ERSAF) e sarà inaugurato giovedì 23 maggio (dalle 9 alle 17,30) nel corso della giornata  dedicata al Festival dello Sviluppo Sostenibile, promossa dalla Città metropolitana di Milano in collaborazione con ASviS (Alleanza Italiana per lo sviluppo sostenibile edizione). Le piante e gli arbusti forestali di specie autoctone sono prodotte dal vivaio ERSAF di Curno. Tra le specie arbustive sono state scelte il Sanguinello, il Viburno lantana, il Pallon di Maggio, il Biancospino, il Ligustro e il Corniolo. Mentre tra le specie ad alto fusto svettano il  Pioppo bianco, l’Acero campestre, il Ciliegio, il Tiglio e la Quercia Farnia. Al termine della dimostrazione le piante forestali saranno collocate nell’area naturalistica del Fontanile Nuovo di Bareggio, all’interno del Parco Agricolo Sud Milano.

Il giardino della Città  Metropolitana di Milano

Le iniziative promosse dalla Città metropolitana di Milano, insieme anche al Comune di Milano, svolgeranno i temi cari ad ASviS,  quali “Città e comunità sostenibili”, “Lotta contro il cambiamento climatico” e “Vita sulla terra” e coinvolgeranno oltre al Parco Agricolo Sud Milano, ENEA, Touring Club Italiano, ERSAF, Green Building Council Italia, Gruppo CAP, Egeos e Caritas Ambrosiana.

‘La sostenibilità non dovrà essere più e solo intesa – aggiunge la vicesindaca Censi – come argomento per tecnici ed esperti sull’ambiente, ma favorire la sensibilità diffusa per diventare patrimonio comune di conoscenze e buone pratiche’. Lo scopo è di indurre i cittadini a cambiare stili di vita e ad assumere comportamenti rispettosi dell’ambiente anche attraverso piccole azioni virtuose. Una giornata dunque all’insegna del rispetto e riqualificazione delle risorse naturali acqua, aria, suolo, energia ma anche del paesaggio urbano, agricolo e produttivo. Gli esperti di ENEA illustreranno il progetto ES-PA, che mira alla realizzazione di campagne di sensibilizzazione e promozione di misure per l’uso efficiente dell’energia. Il convegno dedicato al progetto europeo “Life Metro Adapt” affronterà il tema del cambiamento climatico nelle aree metropolitane.

Il Festival dello Sviluppo sostenibile, nato tre anni fa per adempiere gli impegni che l’Italia ha assunto in sede ONU nel 2015 in merito ai temi dell’Agenda 2030, si propone di far dialogare le istituzioni, le  imprese pubbliche e private con le associazioni ambientaliste, mondi solo in apparenza contrapposti ma uniti dalla stessa missione: salvare la terra! Al termine vin d’honneur e visita guidata a Palazzo Isimbardi.