Pomezia (Roma): ITC Farma e Università Sapienza;  un impulso di crescita e competitività per il Paese. Quando la sinergia tra industria e ricerca accademica produce eccellenza

La sinergia tra ricerca accademica e industria può produrre degli effetti  positivi, sia in termini di competenza che di sviluppo economico,  per lo sviluppo del Paese. Uno degli esempi calzanti è la collaborazione scientifica e tecnologica che si è venuta a creare tra il Dipartimento  di Chimica e tecnologia del Farmaco dell’Università la Sapienza e la  ITC FARMA. Due importanti realtà che hanno deciso di costruire assieme un percorso virtuoso, partecipando al Bando regionale Life 2020 per potenziare e accrescere conoscenze e competenze e puntare verso obiettivi  strategici utili sia  per una crescita in un’ottica di innovazione che per il posizionamento competitivo sul mercato internazionale.   

Prof. Silvio Massima Lavagna – Università La Sapienza Dip. di Chimica e Tecnologia del Farmaco

“Gli obiettivi raggiunti – spiega il Prof. Silvio Lavagna – sono andati ben oltre le nostre aspettative. Un risultato importante raggiunto anche grazie alla collaborazione del Prof. Bruno Botta, direttore del Dipartimento di Chimica e tecnologia del Farmaco, del Prof. Alberto Boffi e della Prof.ssa Daniela Secci. Un ulteriore conferma che stiamo andando nella direzione giusta”.    

Dott. Stefano Di Manno – Quality Director ITC Farma

“Le nuove tecnologie di cui ci siamo dotati  – puntualizza il dott. Guglielmo Frontini, direttore di stabilimento di ITC Farma – elevano la nostra capacità ad un livello qualitativo e innovativo presenti solo nelle grandi imprese farmaceutiche. Inoltre – conclude Frontini – la creazione dell’area di ricerca permetterà ad ITC l’ottimizzazione di processi già esistenti, la velocizzazione delle attività di process e di method transfer molto importanti per quelle aziende, come la nostra, che fanno del contract manufacturing il proprio core business e lo sviluppo di nuove classi di Farma.”