San Giuliano Milanese: “Rocca Brivio in festa”. Una giornata per divertirsi e conoscere il Castello Brivio Sforza, un bene pubblico in pericolo

La Rocca Brivio a San Giuliano Milanese

Le Associazioni di San Giuliano Milanese festeggiano insieme Rocca Brivio: perché Insieme È Meglio
Appuntamento il 5 maggio dalla mattina all’imbrunire a Rocca Brivio, San Giuliano Milanese, per una serie di iniziative dedicate a grandi e piccini: fiabe della tradizione orale, laboratorio di burattini, visite guidate al complesso della villa e alle aree verdi, possibilità di pranzare nel parco portando il pranzo al sacco (ma la plastica è bandita), pittura en plein air e danze folk per tutti. Un appuntamento per attività all’aperto ma anche un’occasione pressoché unica di visitare la Rocca e le sue pertinenze esterne, compresa una visita guidata al bosco e al vivaio naturalistico.

La collaborazione di  6 associazioni  vuole ribadire l’importanza e la  necessità di salvaguardare un bene come Rocca Brivio, da sempre baluardo del Parco Agricolo Sud Milano e luogo emblematico  a difesa dell’ambiente, della storia e della cultura del  territorio.

Edificato nella sua forma attuale a partire dalla fine del 1600, Rocca Brivio è un complesso storico monumentale che sorge sul territorio di San Giuliano Milanese. Il punto focale del complesso è il palazzo di Rocca Brivio che, in posizione rilevata rispetto alla pianura circostante, da poco meno di 5 secoli è un punto di riferimento per tutto il territorio. Di proprietà della Famiglia Brivio-Sforza passa all’Ordine dei Servi di Maria negli anni ’60 e poi, nel 1998, viene acquisita dai Comuni di San Donato M.se, San Giuliano M.se e Melegnano, insieme all’Associazione Roccabrivio che dal 1968 ne ha assicurato la gestione e la manutenzione. Alcuni anni più tardi subentra anche un quinto socio, il CAP di Milano, che detiene da allora la maggioranza azionaria. Dopo varie vicissitudini la società proprietaria (Rocca Briviso Sforza srl) è da tempo in liquidazione e la ricerca di un soggetto che si faccia carico della sua gestione e del suo rilancio è ancora un percorso non concluso. 

Il cortile di Roccabrivio a San Giuliano MIlanese

Molti sono i rischi connessi al futuro di questo splendido bene, dove negli anni si sono alternate iniziative pubbliche e sociali. Le attività culturali dell’Associazione Roccabrivio hanno precorso il rilancio culturale del nostro territorio sin dagli anni ’70-’80 e molte sono le iniziative che continuano anche nell’anno in corso, il 51° della storia dell’Associazione. Ma molte sono le altre realtà che si sono ritrovate in questo spazio magico e pressoché unico nel Sud-Est Milano. Tra queste l’Associazione per i Vivai ProNatura che da metà anni ’90 ha realizzato un vivaio di piante autoctone d’origine locale che hanno contribuito a rinaturalizzare molte aree principalmente della Lombardia, ed ha piantato essenze autoctone su ampi tratti delle pertinenze della Rocca. Naturalmente non è qui il luogo degli elenchi, ma l’attenzione che il mondo associazionistico ha sempre avuto nei confronti della Rocca è ben testimoniato dalla scelta di farne uno dei perni della Festa delle Associazioni 2019: è questa attenzione che ha tenuto vivo il dibattito sull’uso pubblico di Rocca Brivio. Una scelta particolarmente importante oggi, quando la situazione di degrado della Rocca e la mancanza di prospettive segnano una difficoltà complessiva del nostro territorio a difendere e valorizzare i propri beni artistici, storici, culturali e ambientali. Un lusso in un periodo in cui la ricostruzione dell’identità di una comunità è l’antidoto principale alla disinformazione e alla disperazione sociale crescenti.

Fonte: Elisabetta Viganò – Museo della civiltà contadina di San Giuliano Milanese