“Murmure”, il nuovo album di Carlot-ta

Un viaggio tra le infinite possibilità sonore di uno strumento analogico, antico e imponente. Un colpo di fulmine. Una sfida.
E’ Murmure il nuovo album della cantautrice e pianista Carlot-ta, interamente composto all’organo a canne, tra contaminazioni elettroniche e sonorità arcaiche, appena arrivato negli store digitali e dal 13 aprile nei negozi di dischi per Incipit Records/Egea Music. Il disco è stato registrato tra Italia, Svezia e Danimarca ed è prodotto da Paul Evans, parte del team del Greenhouse Studio di Reykjavik che annovera tra le sue produzioni album di Björk, Sigur Ros, Damon Albarn, Cocorosie e molti altri.

“Murmure” sarà presentato live per la prima volta venerdì 6 aprile al Tempio Valdese di Torino e proseguirà in tour nelle chiese, dove lo strumento trova spazio. Il concerto – gratuito – inizia alle ore 21,30 e ad accompagnare l’artista ci saranno Paolo Pasqualin alle percussioni e Christopher Ghidoni ai synth e le chitarre.
L’album è stato anticipato dal video del singolo “Virgin of the noise”, pubblicato in anteprima da Rolling Stone Italia (https://www.youtube.com/watch?v=vDezDU1e-YE)

Ventisette anni e 300 concerti all’attivo, Carlot-ta – al secolo Carlotta Sillano – firma con Murmure il suo terzo disco, preceduto da Songs of Mountain Stream (2014, anno in cui vince il premio SIAE alla Creatività) e Make me a Picture of the Sun (2011, secondo posto al Tenco, Premio Ciampi per la Migliore Opera Prima, Premio MEI Supersound per il miglior disco dell’anno).

Murmure è il suono che l’aria produce quando entra nei polmoni. In questo disco è il respiro delle canne d’organo, strumento con cui la pianista entra in contatto nel 2015, quando le è stato proposto un concerto per il festival “A night like this”.
E’ stato amore a prima vista. “L’organo a canne – racconta – è inevitabilmente connesso a un luogo e un posto ben preciso. Per suonarlo devi necessariamente spostarti nel suo spazio, cosa che non succede con nessun altro strumento. Non lo puoi possedere. Ogni movimento attiva un meccanismo complicato, che fa entrare l’aria nelle canne e lo fa respirare. È come dare vita a un animale, enorme e grottesco. Ti fa sentire potente, e allo stesso tempo carico di un timore reverenziale”.

Dieci canzoni originali in inglese e una in francese in cui l’uso personale degli strumenti e della voce ricorda Björk (artista a cui critici e giornalisti l’hanno paragonata), anche se lei sei sente più vicina a Julia Holter, Marissa Nadler o Diamanda Galás (o la ami o la odi, come l’affascinante pianista statunitense).

Murmure è un disco epico e trionfale, oscuro e immaginifico. I registri dell’organo suonano imponenti come intimi e malinconici, si alternano tra composizioni solenni e impetuose, ballate romantiche, valse musette, danze macabre, motivetti synth-pop.

Virgin of the Noise è un’algida e misteriosa richiesta di perdono accompagnata da timpani profondi e rumori elettronici, Sparrow strizza l’occhio al dream-pop, Conjunctions sorprende con una melodia lirica e romantica, Sputnik 5 trasforma l’organo a canne in un synth anni ’80, Samba Macabre è la danza voodoo di una mantide religiosa, La Valse du Conifère il ritratto naif di una conifera solitaria sulle Alpi francesi cantato su un valzer à la Edith Piaf, Minstrel è una ballata introspettiva dalle venature black.

Carlot-ta ci trascina in viaggio tra gli elementi della natura, portandoci sotto la pioggia incessante di Sparrow e tra i ghiacci ostili di Glaciers, racconto folk di un amore non corrisposto; ci getta nel mare in tempesta di To the Lighthouse, storia di un naufragio e di terre ferme a cui approdare.
E’ un percorso che ci trascina in alto, tra le montagne, poi nella Spoon River post-moderna di Churches, tra chiese vuote e oscure.

Murmure esplora luoghi, suoni, emozioni, muovendosi con abilità tra riferimenti letterari e biblici. Suggerisce immagini: ci riporta nel giardino segreto di William Blake trasformato in ossuario, come nell’elegante ballata di Garden of love, che del poeta inglese mantiene le parole; ci fa ballare una danza macabra tra mantidi religiosi che non possono amare senza uccidere, ricordandoci Medusa e Salomè.

Percussioni e tessiture elettroniche dettano il tempo. Il risultato è un canzoniere cupo e barocco, in cui la musica risente delle influenze nord-europee, del cabaret weimariano, del chamber folk, della canzone francese. Un disco fuori dal tempo che coniuga sonorità arcaiche a una scrittura contemporanea e marcatamente pop.

Per le registrazioni sono stati utilizzati un organo mesotonico di epoca barocca e un organo romantico, entrambi italiani. Le percussioni, suonate da Paolo Pasqualin e Loris Stefanuto, sono state registrate nello spazio acustico della chiesa. Voci e programmazioni sono state realizzate a Malmö. Il disco è stato mixato al Frostbox Studio di Copenaghen e masterizzato da Tommy Bianchi al White Mastering Studio di Firenze.
L’album è realizzato grazie al contributo di SIAE, del MiBACT e di S’Illumina.

BIOGRAFIA
Carlot-ta ha già all’attivo 300 concerti e due album: Make me a Picture of the Sun (2011) e Songs of Mountain Stream (2014), prodotto da Rob Ellis (PJ Harvey, Anna Calvi, Marianne Faithfull…). E’ stata ospite di rassegne e palchi prestigiosi (Premio Tenco, Premio Ciampi, Auditorium Parco della Musica, Teatro La Fenice, MiTo Settembre Musica, Festival dei Due Mondi, Torino Jazz Festival, Liverpool Sound City, Paratissima Skopje). Le sue musiche sono state utilizzate per campagne pubblicitarie (Ford, 2012) e colonne sonore (La luna su Torino, 2014).

 

Fonte: GDG press