Palermo: “Palermo Tattoo Convention” giunge alla V Edizione

Organizzata dall’associazione Loadink, da venerdì primo a domenica 3 giugno 2018 torna la Palermo Tattoo Convention al Saracen Resort di Isola delle Femmine (Palermo) per tre giorni di performance, laboratori e artisti internazionali: la manifestazione dedicata al tatuaggio giunge alla quinta edizione dopo il traguardo da oltre 20mila partecipanti dal 2014 al 2017.

Gli oltre cento artisti tatuatori provenienti da ogni parte del mondo avranno a disposizione una postazione ciascuno per lasciare un segno indelebile ai partecipanti: tra gli altri, la direzione è lieta di annunciare la partecipazione del maestro di contaminazioni orientali con il surrealismo, Emanuele Sircana, del giapponese ma milanese d’adozione Koji Yamaguchi, del tatuatore di Fedez Luca Natalini, il maestro del realistico in bianco e nero Massi Novecento, del realistico a colori Marcello Cestra e infine una delegazione di romani, special guests di festival internazionali e nazionali, Alessandro “El Tanque” Pignoli e Simone Phobia che hanno anche realizzato della locandina della Convention 2018: il genio di Palermo secondo una loro originale rilettura.

Palermo Tattoo Convention. La sala tatuaggi

L’intera struttura del Saracen Sands Resort & Congress Centre Hotel è allora dedicata al mondo del tatuaggio e per tre giorni è suddivisa in aree tattoo, area shopping, area relax, area food&drink e area palco: che vivranno animate da musica, intrattenimento ed esibizioni coordinate dalla direzione artistica dell’associazione organizzatrice, Loadink. Novità della quinta edizione sono gli eventi serali: tutti nella stessa area, tra spazi interni ed esterni si balla con  musica live, dj set e performance fino alla chiusura alle 2.30.

L’antica cultura del tatuaggio viene celebrata con un fitto programma di eventi ed esibizioni, laboratori creativi, seminari e momenti di confronto nell’ottica della condivisione di idee, progetti, similitudini e diversità tra professionisti e artisti. E sempre nell’ottica della contaminazione la Convention ospita anche momenti che aprono una finestra sui linguaggi dell’arte contemporanea e dell’arte performativa, tra modelle e modelli, musica e ballerine di burlesque, artisti e writers.

Al termine di ognuna delle tre giornate è previsto un contest per i tatuatori ospiti e sarà una giuria composta da maestri del tatuaggio di fama internazionale a decretare il lavoro vincitore.

Uno spettacolo da quindici ore no stop al giorno: “Siamo orgogliosi di organizzare per il quinto anno di fila la Convention che cresce per pubblico, carattere e impegno edizione dopo edizione – dicono Vincenzo Bellia e Massimiliano Corona, soci organizzatori  – siamo felici di ospitare artisti che ci danno fiducia e naturalmente siamo lieti di offrire al pubblico uno spettacolo di tre giorni: eventi di questo tipo sono un arricchimento culturale e sociale per un territorio vasto e variegato come quello siciliano, sempre più aperto a iniziative artistiche che guardano alle culture differenti e alle arti”.

Fonte: Ufficio Stampa Eugenia Nicolosi