San Giuliano Milanese: Per non dimenticare. Il 27 gennaio è il “Giorno della Memoria”.

Nel 76° anniversario della liberazione dai campi di concentramento nazisti, una serie di iniziave vede protagonisti i ragazzi delle scuole.

Mercoledì 27 gennaio ricorre “il Giorno della Memoria” in ricordo dello stermino del popolo ebraico e dei deportati italiani nei campi nazisti.
San Giuliano ricorda il 76° anniversario della liberazione dai campi di concentramento nazisti con una serie di iniziative: per i ragazzi, la Biblioteca Comunale propone una vetrina bibliografica sul tema con una serie di titoli presenti nel catalogo CUBI che spaziano dalla narrava classica ai fumetti, due diverse forme per raccontare la tragedia della Shoah. Per approfondire la storia dolorosa di quegli anni con i testi di “Salviamo il coniglio rosa”, basta fissare un appuntamento in Biblioteca (tel. 02 98229817). Nel rispetto delle limitazioni imposte dall’emergenza sanitaria tuttora in atto, mercoledì 27, a partire dalle ore 21 (fino alle ore 24), sul sito del Comune (www.sangiulianonline.it) sarà disponibile la visione gratuita del reading teatrale: ”Se questo è un uomo, oggi”, a cura di “Laboratorio Teatrale” di Antonio Russo, tratto dall’opera biografica dello scrittore italiano Primo Levi.

Nell’ambito del Piano di Diritto allo Studio 2020-2021, i ragazzi del Liceo Linguistico “Primo Levi” hanno lavorato alla realizzazione del video “Ricordati di ricordare”, che racconta di un dialogo immaginario tra due grandi testimoni della violenza nazista, Liliana Segre e Primo Levi, accompagnato da musiche di autori ebrei che durante il nazismo non poterono essere eseguite e da un inedito di uno studente. Il video sarà diffuso nelle scuole Secondarie di primo grado e, a partire dal 27 gennaio, sarà visibile sul portale del Liceo e dal sito del Comune. Il progetto prosegue l’idea, avviata lo scorso anno, di creare un ponte culturale tra gli studenti delle scuole secondarie di primo e secondo grado, nella convinzione che la condivisione e la trasmissione del sapere tra grandi e piccoli siano proficue e stimolanti.

Commenta l’Assessore alla Cultura, Nicole Marnini: “Il protrarsi dell’emergenza sanitaria ci impedisce di commemorare come avremmo voluto il Giorno della Memoria: è importante comunque continuare a parlare della Shoah perché nessuno possa dimenticare. Anche in un anno ancora così parcolare, infatti, abbiamo cercato di puntare su un appuntamento di alto valore educativo per consentire ad una platea quanto più vasta possibile, di poter assistere, sia pure in streaming, ad uno spettacolo come “Se questo è un uomo”, che racconta una pagina drammatica della nostra storia. È importante però che il Giorno della Memoria non sia solo un momento per rivolgere lo sguardo ad un passato tanto atroce, quanto un’opportunità collettiva per riflettere sul futuro affinché temi quali la discriminazione, l’odio, la violenza e la sopraffazione non abbiano mai più “diritto di cittadinanza”. Mi piace sottolineare anche l’impegno della Biblioteca che propone un interessante bibliografia dove poter attingere una serie di volumi, rivolti principalmente ai ragazzi, che parlano della Shoah. Ricordare la tragedia dell’Olocausto, quindi, è un dovere verso la Storia, un impegno a contrastare questi fenomeni e rifiutare quello che a volte si rivela essere il peggiore dei mali, l’indifferenza”.

Credo che sia fondamentale – spiega l’Assessore all’Educazione Maria Grazia Ravara – la collaborazione tra Amministrazione Comunale e scuole del territorio: solo unendo le forze è possibile sviluppare progetti educavi che possano fare maturare una coscienza civica nei nostri giovani, oltre che sviluppare il pensiero critico indispensabile per il loro futuro. Penso inoltre che lo scambio di sapere sia un metodo che arricchisce e gratifica tutti, grandi e piccoli: per questo ringrazio le professoresse del Liceo, Vincenza Spatola e Rita Borali, che hanno lavorato al progetto “Ricorda di Ricordare” e le Dirigenti Scolasche delle scuole di primo grado che accolgono favorevolmente la diffusione del video.

Fonte: Servizio Relazioni Esterne – Comune Dan Giuliano Milanese.