Cento (FE): per l’Autunno Guerciniano 2020/2021, ultimo incontro “Lettere inedite del Guercino e della sua bottega”.

AUTUNNO GUERCINIANO - Restauro Pitture murali del Guercino a Casa Provenzali, 18 dicembre 2020

Il Guercino e la sua laboriosa bottega saranno oggetto di approfondimento nell’appuntamento streaming della rassegna “Autunno Guerciniano”,
organizzata da Comune di Cento e Centro Studi Internazionale Il Guercino,
in programma giovedì 11 febbraio 2021 alle 17.30.

La storica dell’arte Francesca Curti presenterà la conferenza “Lettere inedite del Guercino e della sua bottega”, mettendo in luce aspetti nuovi e insoliti dell’attività del maestro centese e di alcuni suoi contemporanei, affiorati grazie all’analisi della produzione epistolare tra gli artisti e i committenti.

Il carteggio al centro dello studio della ricercatrice è di estremo interesse e appartenente alla famiglia dei Mattei Paganica, molto nota a Roma intorno alla metà del 1600, soprattutto grazie alla capacità dei fratelli Gaspare e Giuseppe Mattei Paganica. A partire dal 1642 quest’ultimo si trasferì a Ferrara come Generale della Armi dello Stato pontificio e fu proprio in questi anni di missione che venne a contatto con il Guercino e la sua Bottega. Grazie all’interessante scambio epistolare tra i Mattei Paganica e l’artista centese, la famiglia acquisì un nucleo importante di opere, con dipinti del Guercino e dei suoi allievi, di Francesco Albani ed altri.

L’acquisizione venne supportata da un ricco carteggio, quello che in parte ci illustrerà la Curti, che getta nuova luce sulle dinamiche del mercato di quadri nelle Bologna di metà Seicento, e consente, attraverso le considerazioni personali dei pittori contattati dai Mattei Paganica, di avere un punto di vista privilegiato ed inedito della personalità di questi protagonisti dell’arte del Seicento, al di fuori delle biografie ufficiali.

Molto ricca è la corrispondenza epistolare intrattenuta con il Guercino, che già a quell’epoca godeva di chiara fama nell’ambito dell’alto clero e dell’aristocrazia appassionata d’arte. La Curti ci accompagnerà tra le righe di queste missive dove è possibile intravvedere aspetti più intimi e curiosi del pittore centese, così tanto acclamato tra i potenti del tempo.

Fonte: Culturali di Norma Waltmann – Agenzia di comunicazione e ufficio stampa