Milano: “Space Parallel”, alla Libreria Bocca, in Galleria Vittorio Emanuele II.

Qingyu Deng. The world behind the appearance, Photography and graphic, 30x30cm, 2020

La collettiva, a cura di Vera Agosti, in collaborazione con la galleria MA-EC, ospiterà le opere di dodici artisti internazionali che dialogano sul concetto di spazio, declinato con mezzi, tecniche e maniere differenti.

La Libreria Bocca, in Galleria Vittorio Emanuele II a Milano, ospiterà, in collaborazione con la galleria MA-EC, la collettiva “Space Parallel”, a cura di Vera Agosti, dal 7 al 30 marzo 2021. Dodici artisti internazionali, da Cina, Brasile, Argentina, Spagna, Romania e Repubblica Moldova dialogano sul concetto di spazio, declinato con mezzi, tecniche e maniere differenti. Lo spazio da intendersi fisico, virtuale e parallelo. La Libreria Bocca è luogo di elezione per questa mostra, perché nel mondo dei libri sono racchiusi segmenti di spazio e tempo diversi, paralleli o sovrastanti.

Xinyan Tang. The gift of the dream, Oil on canvas, 40x50cm, 2020

Ecco allora il cielo e il mare infiniti nello scatto di Yan Li; i paesaggi immaginifici di Julia Romano, fatti di fotografia e collage digitale, da celebri dipinti di paesaggio della storia dell’arte europea e da fotografie naturalistiche dell’America latina; la fantasmagorica astrazione digitale di Tianqi Niu, che si innesta su uno spazio naturale; i delicati ma misteriosi e dinamici acquarelli di Yu Wu; la Resurrezione, dagli scarti all’arte, con fotografia e scultura del volto di Cristo da stampante 3D di Iñaki Van den Brule Roldán; la fanciulla che indica il cielo e la metafisica nel dipinto di Xinyan Tang di ispirazione classica; lo scatto di Francisco Gómez Jarillo di una doppia scultura reticolare raffigurante un volto di donna; la raffinata fotografia in bianco e nero e grafica di Qingyu Deng con oniriche sovrapposizioni; le geometrie dorate di Cristina Navarro; l’acquarello lirico di Coca Rodriguez Coelho, dedicato a una genesi incompiuta; i fiori mozzafiato di Aliona Cotorobai, che invadono ogni centimetro della tela; gli acrilici trasparenti di Lavinia Rotocol, che cercano di penetrare negli strati profondi dell’esistenza.

Le opere, realizzate quasi interamente nel difficile 2020, ci consentono un affascinante e coinvolgente viaggio nell’arte e nella fantasia, tra speranza, sogno, malinconia e inquietudine. Il peso e l’importanza della scienza ai nostri giorni è fortemente presente nella ricerca di molti artisti, a ogni latitudine, interessati al futuro, allo studio e alla comprensione del mondo.

Domenica 7 marzo dalle 11 alle 15 sarà presente in Libreria Bocca la curatrice Vera Agosti.

Fonte: MA-EC Milan Art & Events Center