Milano: NOVO presenta “Radicalization Pipeline”, la personale di Theo Triantafyllidis.

Theo Triantafyllidis, Steal Stoppa, 2021, Glazed Stoneware, 80 x 80 x 45 cm, Courtesy l’artista e NOVO - Eduardo Secci Milano

Dal 3 giugno al 25 settembre 2021, NOVO presenta “Radicalization Pipeline”, la personale di Theo Triantafyllidis con lavori in ceramica e software. La mostra inaugura la nuova sede milanese del project space di Eduardo Secci.

Per questo nuovo corpus di opere, Theo Triantafyllidis trae ispirazione da videogiochi e recenti eventi di disordine civile negli Stati Uniti. Osservando fenomeni come l’ascesa di QAnon, l’artista traccia connessioni tra gamification, fantasy e radicalizzazione politica.

Theo Triantafyllidis, Kristal Klaw, 2021, grès smaltato, 12 x 11 x 5 cm, Courtesy l’artista e NOVO – Eduardo Secci Milano


Lo spazio della galleria riunisce una serie di armi in ceramica. Realizzate in grès smaltato di colore scuro, sono adornate con dettagli decorativi creati utilizzando nastri adesivi overgrip per le racchette da tennis, extension per capelli e materiali acrilici tagliati al laser. I titoli delle opere, come ChadslayerSnowflake Stormbringer, ricordano le forme esagerate spesso viste nei videogiochi e le ideologie estremiste che sono state accelerate dalla cultura di Internet.

Le superfici di ceramica riflettono la luce proveniente da un display di grande formato, che riproduce Radicalization Pipeline, un lavoro di Live Simulation su un PC da gioco. Due orde apparentemente infinite si scontrano in un violento tutti contro tutti, brandendo armi da mischia di dimensioni imponenti e gridando con voci distorte.

Una vasta varietà di personaggi – da milizie cittadine a creature fantastiche -, compare nello schermo solo per uccidersi a vicenda, ondata dopo ondata, sprofondando lentamente i loro corpi virtuali in uno scenario fangoso. Di tanto in tanto, l’atmosfera si alleggerisce con cover medievali di canzoni pop familiari che completano il paesaggio sonoro concepito dal compositore e sound designer Diego Navarro.

Theo Triantafyllidis, Radicalization Pipeline, 2021, Live Simulation, Courtesy l’artista e NOVO – Eduardo Secci Milano

Theo Triantafyllidis, nato ad Atene nel 1988, vive e lavora a Los Angeles.
L’artista costruisce spazi virtuali e interfacce, dove far abitare il corpo umano. Crea mondi e sistemi complessi, in cui il virtuale e il reale si fondono in modi misteriosi, assurdi e poetici. I suoi lavori sono performance, esperienze di realtà mista, giochi e installazioni interattive.

Nel 2016 ha conseguito il Master of Fine Arts all’UCLA Design Media Arts. Le sue personali includono: “Pastoral”, Eduardo Secci, Firenze (2019); “Role Play”, Meredith Rosen Gallery, New York (2018); “Pretzel Twist”, The Breeder, Atene (2017). Ha esposto in collettive, tra cui “World on a Wire”, Hyundai Motor Studio & Rhizome of New Museum, Seoul (2021); Sundance New Frontier Exhibition, Park City, Utah (2020); Athens Biennale: ANTI-, Atene (2018); Hyper Pavilion, 57esima Biennale d’Arte di Venezia (2017).

Attualmente, il lavoro di Theo Triantafyllidis è esposto alla Biennale dei Giovani Artisti MEDITERRANEA 19: School of Waters, San Marino (2021). Tra le sue prossime mostre nel 2021, “Radical Gaming: Immersion Simulation Subversion” alla House of Electronic Arts di Basilea e Augmented Reality Biennale all’NRW-Forum Düsseldorf.

Fonte: Comunicazione Edoardo Secci