Napoli: IZimbra Music Fest presenta il live di GNAWA BAMBARA meet PS5 – Pietro Santangelo Quintet.

PS5

Nel cartellone”Estate a Napoli 2021″ promosso dall’Assessorato all’Istruzione, alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli, si svolge l’evento IZimbra Music Fest rassegna musicale dedicata alla world music, contaminazione e condivisione di tradizioni popolari e culture mediterranee.

Dopo gli eventi di maggio e luglio con i concerti di Cantiga de la Serena, Ars Nova Napoli, Rachele Andrioli/Redi Hasa/Rocco Nigro ed Elettro- Mascariminì l’Associazione IZimbra Culture torna a proporre world music al centro di Napoli.
La rassegna, curata da Chiara Savelli e Marcello Squillante, ha l’obiettivo di proporre attività musicali dedite alla contaminazione artistica, lo scambio culturale e l’interazione tra musicisti di estrazione diversa ma accumunati dallo spirito migrante che vede Napoli come baricentro grazie al ruolo strategico al centro del Mediterraneo con le sue molteplici sonorità.

Abdenbi El Gadari

ABDENBI EL GADARI E GNAWA BAMBARA (Marocco) – Una delle tradizioni nordafricane più interessanti e ricche di implicazioni culturali e religiose. I riti e le liturgie gnawa sono fondati sulla musica e sulla danza e hanno scopi, per così dire, terapeutici. Servono infatti a reintegrare e a riequilibrare le energie fondamentali del corpo umano e nello stesso tempo a riconciliarsi e ad allearsi con i geni della possessione attraverso il raggiungimento di un’estasi mistica. Oltre a essere stata da sempre oggetto di studi da parte di antropologi e di etnomusicologi la “trance music” dei Gnawa ha suscitato spesso e volentieri l’interesse di numerosi musicisti occidentali, in forza di una circolarità ritmica dalla quale è pressoché impossibile non farsi trascinare.
Maestro di cerimonie è Abdenbi El Gadari, suonatore di g’mbri (il liuto-tamburo) e di t’bel (grosso tamburo a doppia membrana),accompagnato per l’occasione da altri due musicisti-danzatori che si servono della voce e dei qaraqeb (castagnette in metallo) per indurre lo stato di trance.

PS5 – PIETRO SANTANGELO QUINTET (Napoli) – L’ensemble partenopeo guidato da Pietro Santangelo ( Nu Guinea, Slivovitz, Fitness for Ever) ha un sound di matrice jazz con influenze che attingono dalla tradizione partenopea per raggiungere sonorità con radici afrobeat risultando un esperimento musicale in cui risuonano ricordi stratificati e sentimenti nascosti, come se sorgessero direttamente dalla parte più recondita dell’inconscio, sospendendo il flusso-coscienza. L’obiettivo del collettivo è creare uno stato di trance e scavalcare la ragione umana attraverso un immaginario viaggio di andata e ritorno attraverso il Mar Mediterraneo e l’Oceano Atlantico, collegando idealmente Napoli con il Nord e l’Africa subsahariana e l’America Latina. Oltre a Pietro Santangelo, ai sassofoni tenore e soprano, il collettivo è composto dal percussionista Paolo Bianconcini, il sassofonista Giuseppe Giroffi, il bassista Vincenzo Lamagna e il batterista Salvatore Rainone. A IZimbra Music Fest il collettivo presenterà i brani del primo album “ Unconscious Collective”, uscito lo scorso maggio per l’etichetta Hyperjazz Records.

Fonte: Ufficio Stampa Hungry Promotion