“GABA.MC YOUNG”, il nuovo Anno Accademico riparte con una ricca programmazione di mostre.

Lavori di scenografia

L’Accademia di Belle Arti di Macerata ha annunciato la nuova programmazione della Galleria GABA.MC Young per l’anno accademico 2021/2022.

La Direttrice Rossella Ghezzi, recentemente confermata alla guida di ABAMC, con l’imminente apertura della GABA.MC Young dopo la pausa estiva, in nome di tutta la comunità accademica, docenti e studenti, lancia un messaggio forte e vigoroso: in primo piano ci sono e ci saranno sempre gli studenti che, con il loro lavoro e creatività, rappresentano il cuore più profondo dell’Istituzione.

Coincidenze

A loro, dunque, la priorità assoluta. Il programma, da ottobre 2021 ad agosto 2022, vedrà, infatti, avvicendarsi una serie di mostre brevi, e dal taglio didattico, che spazieranno fra le diverse discipline insegnate in Accademia. Dall’anatomia alla pittura, dalla fotografia alla grafica d’arte, dal disegno alla scultura, dalla decorazione alla plastica ornamentale, fino alla scenografia, gli studenti dell’Accademia, a volte in collettiva quando mostra di fine corso, altre da soli nella forma della personale, e sempre accompagnati nella curatela dai propri docenti, si apriranno, come di consueto alla città, mostrando il volto quotidiano della formazione artistica.

IL PROGRAMMA
La prima esposizione ha inaugurato mercoledì 13 ottobre.
A dare il via alla nuova programmazione della GABA.MC Young è stato Il Corpo. Metamorfosi, immagine e immaginazione, mostra degli studenti del corso di Anatomia a cura di Teresa Marasca. Si proseguirà giovedì 28 ottobre con A più voci IX edizione – Intelletto d’amore (e altre bugie), una collettiva immaginata in occasione dei concerti dell’Associazione Musicale Appassionata a cura di Marina Mentoni e Paolo Gobbi, esperienza e collaborazione consolidata e che proseguirà con il secondo spaccato A più voci X edizione – Contrappunti lunari venerdì 12 novembre.
Il periodo natalizio sarà anticipato giovedì 2 dicembre con la personale di Gianmaria Pennesi, una mostra fotografica titolata Volti Ritrovati a cura di Federica Facchini e che porterà a conoscenza del pubblico parte della ricerca del giovane fotografo maturata durante il percorso accademico.
Ci si rincontrerà giovedì 13 gennaio con la mostra Il drappeggio nello spazio a cura di Teresa Marasca che porterà negli spazi della GABA.MC Young gli studenti del corso di Pittura.

Lo sguardo dell’immagine

Martedì 8 febbraio sarà la volta di Di testa e di filoLa xilografia come linguaggio anti- contemporaneo, a cura di Francesco Parisi e Edoardo Fontana, dove 17 giovani xilografi mostreranno la continua meditazione sul rapporto tra stampa e matrice.

Martedì 8 marzo saranno le Esperienze Erasmus protagoniste in GABA.MC Young con una mostra a cura di Teresa Marasca che metterà al centro l’importanza dell’incontro fra studenti di culture diverse. A seguire il 15 marzo prenderà il via il workshop con l’artista londinese Stephen Carter che si concluderà con la mostra collettiva che inaugurerà il successivo 18 marzo.

Martedì 5 aprile ci si riconcentrerà sul linguaggio della pittura con la mostra Il filo di Arianna a cura di Federica Giulianini e Ciro Rispoli, per proseguire martedì 26 aprile con Sentieri Emersi, mostra dei lavori del corso di Decorazione a cura di Pierpaolo Marcaccio e Paola Taddei.
Gli elaborati degli studenti dei corsi di Plastica Ornamentale e Tecniche Plastiche Contemporanee saranno presenti martedì 10 maggio per l’esposizione La memoria è segreta – riflessioni su un gioco di percorsi e ambiguità tra contenuto evidente e contenuto privato a cura di Anna Scivittaro. La scultura sarà invece il centro della personale di Raffaella Pierdominici, ex studentessa di ABAMC, a cura di Antonio De Marini con la mostra dal titolo Parresia – Viaggio tra ombre e patimenti, luci e abissi, specchi di anima e battiti di corpi la cui apertura è programmata per mercoledì 1 giugno.

Introspezioni

L’estate, da mercoledì 22 giugno, vedrà in mostra, infine, una selezione di opere dei corsi di Pittura del triennio e del biennio, dal cui il titolo 3+2 La casa della pittura, curata da Andrea Chiesi, Federica Giulianini e Paolo Gobbi. Chiuderà il programma la mostra degli studenti di Scenografia che, in occasione del Macerata Opera Festival, istituzione con la quale l’Accademia collabora da anni in modo continuativo e consolidato, giovedì 14 luglio, proporrà l’esposizione Spazi Scene Storie a cura di Enrico Pulsoni.

Tutte le mostre inaugureranno alle ore 17.00 e saranno aperte dal martedì al sabato dalle 17.00 alle 20.00. L’ingresso è gratuito.
In applicazione del Decreto Legge n. 105 del 23 luglio 2021 dal 6 agosto per accedere ai musei, alle biblioteche, ai concerti e alle mostre temporanee è obbligatorio esibire il green pass. INFO gabayoung@abamc.it
Tutte le mostre sono approfondite nei contenuti e attraverso immagini sul sito di ABAMC al seguente link https://www.abamc.it/gaba-mc-young

Fonte: Ufficio Stampa Marcella Russo//Maria Letizia Paiato