Milano: “Alikids”. Alik Cavaliere apre le porte dell’arte contemporanea per i più piccoli

ALIK CAVALIERE è uno dei più grandi scultori italiani della fne della metà del XIX secolo; il suo studio apre le porte come atelier per i bambini. Situato nel cuore di Milano, nell’antico convento di via de Amicis 17, il Centro Artistico Alik Cavaliere diventa lo scenario per ALIKIDS: visite guidate e un laboratorio d’arte gratuiti progettati per i bambini.

Dietro le rumorose strade di Milano, il cortile segreto è il luogo in cui il mondo di Cavaliere continua a fiorire dopo oltre vent’anni dalla sua scomparsa. I bambini incontreranno il giardino incantato di Cavaliere, con suoi alberi, reali e di bronzo, il personaggio di Gustavo B, alter ego immaginario dell’artista, i disegni, le sculture in rame e ottone sull’Orlando Furioso, le opere in bronzo e materie plastiche, che raccontano la vita, i sogni, i miti dell’uomo e la Natura.

ALIKIDS laboratorio

Ogni seconda domenica del mese (il giorno 9 per il mese di febbraio) iRO iRO organizza ALIKIDS, per scomporre i linguaggi dell’arte contemporanea a volte complessi, presentando l’artista da un punto di vista alternativo, una prospettiva per bambini, avvicinandoli al maestro italiano.

I tour e i workshop saranno sia in italiano che in inglese madrelingua. Si terranno due sessioni in base alle fasce d’età. I bambini potranno vedere con i propri occhi le sue sculture e lavori di diverse tecniche. Durante la visita si svolgerà anche un piccolo laboratorio didattico in relazione alle opere dell’artista.

La partecipazione è gratuita ma è obbligatoria la prenotazione con una mail a  info@iroiro.eu e ricevere un’e-mail di conferma.

ALIKIDS laboratorio

Alik Cavaliere (1926 – 1998): è uno dei grandi maestri dell’arte contemporanea del secondo Novecento. Dopo un’infanzia in parte condizionata dall’attività antifascista del padre e dalle leggi antisemite, compie gli studi al Liceo Berchet di Milano e si diploma presso l’Accademia di Brera, sotto la guida di Manzu, Funi e Marino Marini, cui succede nel 1970 alla cattedra di scultura.
La sua poliedrica e sempre rinnovata attività mette capo ad alcuni cicli di opere che indagano ed elaborano il rapporto dell’uomo e dell’artista con la natura, con gli altri, con i miti fondativi dell’esistenza e della vita sociale.

iRO iRO Creative Languages: …professionisti del settore creativo specializzati in lingue. Non solo lingue parlate ma linguaggi che trasmettono storie attraverso la magia delle parole e altro ancora. Uffcio stampa, giornalismo, traduzione / interpretariato, insegnamento, workshop creativi…

Fonte: Comunicazione iRO iRO Creative Languages