Castiglione di Teverina (VT): la premiere di “In Esistente”, docufilm di Gio Montez con Ludovico Fremont

Il regista Montez getta le basi per una riflessione sulle possibilità di un’estetica del “nuovo realismo cinematografico”, alternando nel montaggio la presa diretta delle performances alle immagini riprese dagli smartphones del pubblico ivi astante.

Si svolgerà sabato 5 settembre, alle ore 19, in occasione dell’apertura della rassegna d’arte contemporanea “Insolito Fellini… una Donna Sconosciuta”, presso il MUVIS, Museo del Vino e delle Scienza Agroalimentari di Castiglione in Teverina, in provincia di Viterbo, la premiere di “In Esistente”, il docufilm di Gio Montez con Ludovico Fremont. 

Dal festival espanso “Pietralarte 2017” promosso da Atelier Montez durante l’Estate Romana, nella periferia storica di Roma Pietralata, il docu-film “In Esistente”, diretto da Gio Montez, si ispira ai grandi Maestri del Realismo Cinematografico, come Fellini, Pasolini e Antonioni. Il regista Montez getta le basi per una riflessione sulle possibilita di un’estetica del “nuovo realismo cinematografico”, alternando nel montaggio la presa diretta delle performances alle immagini riprese dagli smartphones del pubblico ivi astante. In collaborazione con il Varco Cinema s.r.l., e con il contributo della Regione Lazio e dell’Assessorato alla Cultura di Roma Capitale.  

Il regista con la sua camera a mano si aggira irrequieto sulla via di Pietralata. Nella calura estiva e nella confusione del caotico underground romano Ludovico Fremont, unico attore professionista nel cast, percorre avanti e indietro l’insidioso suburbe romano in cerca di una parte. La sua avventura genera un paradossale filo narrativo di finzione che svanisce nel momento in cui anche lui perde il senno. Il cast è costituito da artisti, performers/attori e attori non professionisti.

La rassegna d’arte contemporanea “Insolito Fellini… una Donna Sconosciuta”, con la direzione artistica di Paolo Berti, ha una doppia valenza. Da una parte vuole essere un omaggio, attraverso il mondo dell’arte, ad uno dei più grandi registi ed artisti del ‘900 italiano, Federico Fellini. Personalità stravagante, vulcanica e misteriosa. Dall’altra parte vuole mettere in luce, con svariate sfaccettature artistiche, la figura della donna,  costantemente in bilico tra il suo essere ninfa gentile e seduttrice crudele, salvatrice o dannazione incarnata, fonte di forza  e celestiale, delle cui manifestazioni alterne l’arte è da sempre vivida testimone traendone ispirazione.

Fonte: Ufficio Stampa UOZZART