Melegnano: iniziati i lavori per la ciclabile lungo la via Emilia.

Cantiere ciclabile. L'assessora Marialuisa Ravarini, il sindaco Rodolfo Bertoli e l'architetto Valerio Montieri

1,8 chilometri per favorire la mobilità lenta, soprattutto durante il lockdown, nel percorso casa-lavoro.

Rendere sicuro e agevole lo spostamento in bicicletta sulla strategica via Emilia: è questo l’obiettivo della ciclabile di emergenza che sarà realizzata lungo la SS9. L’intervento comporterà una riduzione della carreggiata riservata alle auto, ma migliorerà il livello di sicurezza dei ciclisti.

Un percorso da 1,8 chilometri che prevede anche la realizzazione della ciclabile lungo la vecchia Cerca (via Battisti) attraverso il senso unico per le auto in entrata da Vizzolo Predabissi verso Melegnano (con il doppio senso per garantire l’accesso al cimitero).

Il progetto, complessivamente da 120 mila euro, è stato finanziato con fondi provenienti da Regione Lombardia e legati all’emergenza Covid-19.

L’illustrazione delle caretteristiche dell’opera durante l’incontro di lunedì 16 novembre

«Occorre sottolineare – spiega l’Assessora ai Lavori Pubblici ​Marialuisa Ravarini – quanto le conseguenze della pandemia non siano solo sanitarie ed economiche, ma anche sociali e ambientali. La realizzazione delle ciclabili di emergenza si muove proprio in questa direzione: la necessità di distanziamento richiesta per contenere il Coronavirus rischia di causare un aumento dell’uso dell’auto privata, anche con un solo passeggero. L’idea delle piste ciclabili di emergenza in luoghi strategici come la via Emilia e la ex Cerca è nata proprio per individuare percorsi di comoda fruizione per gli spostamenti casa-lavoro che permettano di lasciare a casa l’auto».

«La ciclabile lungo la vecchia Cerca era già nella programmazione dell’amministrazione comunale – ricorda Ravarini – ma, grazie alle recenti semplificazioni normative, ora possiamo realizzare il senso unico per le auto che da Vizzolo Predabissi arrivano a Melegnano e la ciclabile a doppio senso. Si tratta di un importante intervento anche dal punto dell’impegno dell’Ufficio tecnico che ha permesso l’inizio dei lavori anche in questo difficile periodo. Grazie anche all’architetto Valerio Montieri, pioniere nella progettazione delle piste ciclabili e nella riqualificazione delle aree degradate».

L’avvio del cantiere

«Domenica 15 novembre è stata la Giornata nazionale in memoria delle vittime della strada. L’Amministrazione vuole ricordarle proprio oggi con l’avvio dei lavori di un’opera destinata a ridurre la velocità, a restituire lo spazio strada alla mobilità dolce e a rendere la strada un luogo più sicuro per tutti» conclude l’Assessora.

La ciclabile lungo l’ex Cerca è stata presentata, informando i comitati di quartiere Montorfano e Pallavicina, lo scorso 18 settembre in occasione della settimana europea per la Mobilità Sostenibile, quando i cittadini hanno avuto l’occasione di confrontarsi con il progettista.

«La realizzazione delle ciclabili d’emergenza lungo la via Emilia – sottolinea il Sindaco Rodolfo Bertoli – costituisce anche un primo passo per dare alla strada finalmente una connotazione di viabilità cittadina ed una prima sperimentazione di un nuovo utilizzo dello spazio strada. Si tratta, infatti, di attuare quanto previsto nel nostro programma e presentato ai cittadini in diverse occasioni pubbliche, in termini di ricucitura dei quartieri al di là della via Emilia con il centro città, partendo appunto da un nuovo utilizzo della strada».

Le nuove ciclabili vanno, inoltre, a connettersi ad un sistema che coinvolge anche i territori dei Comuni confinanti e conferma l’impegno della nostra Amministrazione per un più generale progetto di ciclabilità della via Emilia che si sta portando avanti su scala più ampia.

L’Amministrazione comunale ha ringraziato l’Ufficio tecnico per l’impegno profuso nel post lockdown perché potessero ripartire lavori ed interventi in città: dalle scuole all’illuminazione ai diversi cantieri fermati dalla pandemia.

I lavori sono iniziati giovedì 12 novembre e lunedì 16 novembre c’è stato un momento di incontro, proprio sul cantiere, tra il Sindaco Rodolfo Bertoli, l’Assessora Marialuisa Ravarini e l’architetto Valerio Montieri.

Compatibilmente con le normative di contegno del Covid e il meteo, i lavori dovrebbero terminare entro tre mesi dall’avvio.

Fonte: Serena Cominetti – Addetta alla Comunicazione del Comune di Melegnano