Poggiardo (LE): ‘Traujati sta terra’, omaggio al poeta Fernando Rausa

‘Traujati sta terra’ dal francese ‘travailler’ ha molteplici significati: lavorare e rivoltare la terra, ma anche quello più intensivo collegato al travaglio del parto, ovvero ‘riportate nuova vita sulla terra’.

Il poeta Fernando Rausa si rivolge ai giovani e li incoraggia a riportare nuova vita sulla terra, costruendo un Ordine Nuovo. Imitando il gesto lento del contadino che con il braccio teso e con la mano aperta semina, getta il seme del nuovo frutto, della nuova progenie. Straordinario il compito che il poeta affida ai giovani: … ‘e luce simminati/a quiddhri ca nu’ sannu!’

La gioventù è dunque chiamata a costruire una nuova società libera, che riporti nuova vita, che partecipi, che costituisca un nuovo impulso di cittadinanza attiva e consapevole nella difesa dell’ambiente, nella valorizzazione delle tradizioni, nel costruire prospettive di lavoro, che immagini visioni di futuro…

Nel corso dello spettacolo si alternano poesie tratte dalle raccolte di Fernando Rausa (‘Terra mara e nicchiarica’, ‘L’umbra de la sira’ e ‘Li fiuri de la Pathria’) con le canzoni e le musiche degli artisti P40, Lucia Minutello, Salvatore Brigante e altri mendicanti di sogni… Letture di Paolo Rausa (in dialetto) e di Ornella Bongiorni (in italiano).

Promosso da: Circolo Poggiardo ’95 e Associazione Culturale Orizzonte con il patrocinio del Comune di Poggiardo, Martedì 11 Settembre 2018 ore 21, Piazza del Popolo – Poggiardo (Le)