Venezia: Nell’ambito della mostra di Omar Galliani “DIPINTA. La metis dell’acqua”, “MUSICA DIPINTA” con Anton Martynov (violino) e Kremena Nikolova (violino)

Omar Galliani. Le tue macchie nei miei occhi 1981-82. Olio su tela cm 150x300 (courtesy Studio Vigato)

A ideale conclusione dell’esposizione di Omar Galliani, la Galleria di Piazza San Marco dell’Istituzione Fondazione Bevilacqua La Masa di Venezia ospita, venerdì 6 dicembre alle ore 18.00, il concerto dei violinisti Anton Martynov e Kremena Nikolova. Le riflessioni musicali sulla mostra “DIPINTA. La metis dell’acqua”, a cura di Eleonora Frattarolo, annunciano l’apertura del 6° Festival Internazionale di Musica “San Martino a Natale”.

Anton Martynov

Si legge nel testo di presentazione: «Come avviene nell’ambito del linguaggio musicale, Galliani fa della pittura un “accompagnamento” al tema centrale del disegno, sviluppando nel suo grembo motivi autonomi di sostegno all’armonia poetica complessiva». Similmente ai disegni e alla pittura di Galliani, i violinisti Anton Martynov e Kremena Nikolova esaltano la scrittura musicale schietta e ingegnosa con il loro “Music For Two”, un progetto che portano avanti da diversi anni. La felice coincidenza spirituale fra i musicisti e l’Artista, materializzata con un estro e un virtuosismo fuori dal comune da ambo le parti, darà l’avvio ad un vero rinnovamento del linguaggio artistico, che diverrà bello, forte, raffinato e comprensibile.

Kremena Nikolova

La partecipazione all’evento è gratuita sino ad esaurimento dei posti disponibili. È consigliata la prenotazione: anticonuovobarocco@gmail.com, https://anticonuovo.com/.

“DIPINTA. La metis dell’acqua” è la prima mostra in assoluto di soli olii su tela di Omar Galliani, eseguiti tra il 1981 e il 2019. Galliani, conosciuto soprattutto come inarrivabile disegnatore per l’uso della grafite su supporto ligneo e per le invenzioni iconografiche conseguenti all’uso di tali materiali, sin dagli esordi pratica, in realtà, anche la pittura ad olio, sicuramente definibile tecnica imprescindibile della sua ricerca.
Scrive in catalogo Eleonora Frattarolo: «Con la presentazione di circa venti grandi quadri dedicati all’acqua, ai suoi addensamenti, ai suoi infiniti moti visibili e invisibili, “DIPINTA” è una riconsiderazione dello statuto della pittura e una ricapitolazione sul senso dei suoi gesti, moti fondamentali per produrre la forma. Il fluire dei pennelli rimanda d’altronde, per Galliani, inequivocabilmente alla metis dell’acqua e ai cangianti riflessi del mutamento e delle sue leggi».La mostra, realizzata con il sostegno di Studio Vigato Arte Contemporanea e Caffè Florian, è visitabile fino a domenica 8 dicembre 2019 con orario 10.30-17.30. Ingresso gratuito. Catalogo Vigato Editore con testo di Eleonora Frattarolo e ricco apparato iconografico.

Fonte: CSArt – Comunicazione per l’Arte